Sunday, May. 20, 2018

ORA CHE TOTO’ RIINA È AL COSPETTO DI DIO

Written By:

|

24 November 2017

|

Posted In:

ORA CHE TOTO’ RIINA  È  AL COSPETTO DI DIO
Lettera aperta di Raffaele Pisani
Totò Riina, tristemente famoso per le sue stragi, le ventisei condanne all’ergastolo, il fatto che non abbia mai mostrato segni di pentimento e che addirittura dal carcere continuava a lanciare messaggi di morte, ora è passato a “miglior vita” ed è giunto al cospetto di Dio. Cosa ha risposto quando il Signore – secondo il nostro credo  cattolico – gli ha chiesto:- “ Hai mai creduto nel Paradiso, nel mio amore e nella mia misericordia per tutti voi esseri umani? Sei venuto qui con il cuore di bambino, terso e lavato da ogni impurità? Cosa hai portato nella “valigia” per questo tuo ultimo  viaggio? C’è una vita fatta di buone azioni, onestà e tolleranza? C’è il tuo contribuito per costruire una società dove ogni anima che incontri ti regala un sorriso e ti aiuta – per quello che può – se hai bisogno? C’è il sogno di una umanità dove tutto funziona bene perché tutti operano con coscienza e dove si «vive» senza egoismi e senza inganni? Dove non ci sono prevaricazioni e nessuno calpesta la dignità di alcuno e tutti si prodigano affinché villanie e soprusi non intacchino la divina armonia del creato? Ti sei impegnato a compiere il tuo dovere e suggerire agli altri di fare altrettanto a prescindere dal compito assegnato a ciascuno? Ti sei prodigato affinché i politici non fossero “lampadine fulminate” ma “stelle splendenti” per lavorare con amore nell’interesse della nazione, delle città, dei paesi e dei cittadini? Hai fatto il possibile affinché giustizia, libertà e onore non fossero optional e l’intera comunità fosse tutta fatta di veri uomini e vere donne, non di bestie travestiti da esseri umani? Hai tentato di non far respingere nessun migrante che fuggiva dal proprio paese in guerra e di non permettere a nessuno di voltare le spalle al profugo che annaspava tra le onde? Hai fatto qualcosa per costruire una società migliore e creare un avvenire sicuro specialmente per i giovani? Hai dimostrato il tuo dissenso per il cosiddetto “caporalato” che sfrutta gli extracomunitari che sgobbano sedici ore al giorno a raccogliere arance e pomodori per dieci miserabili euro di paga? Hai mai pensato che la felicità non è quella che ti costruisci nel tuo ambito personale e famigliare ma è quella di vivere in una collettività dove tutti sono felici? Hai servito il Dio del bene o ti sei prostrato in ginocchio al servizio del suo nemico?
Totò Riina, è sulla terra, che ogni essere umano, momento dopo momento, giorno dopo giorno, con il suo libero arbitrio e in assoluta autonomia, si costruisce l’armonioso lastrico del Paradiso oppure sceglie l’ignobile baratro dell’Inferno!

È sulla terra che ogni uomo con le proprie mani, aperte in segno di pace o macchiate di sangue assassino, decide quale ricordo di sé vuole lasciare e cosa vuole portarsi con sé nel suo ultimo viaggio!

Share This Article

Related News

IL DIALETTO SI SALVA SALVANDO LA POESIA!
L’8 MARZO LO FESTEGGIAMO COSI’
VORREI DIRE AL GIOVANE CHE INNEGGIA AL SALUTO ROMANO COSA PROBABILMENTE GLI ACCADREBBE SE TORNASSE LA DITTATURA!

About Author

Leave A Reply

Leave a Reply