Monday, Aug. 19, 2019

Femminilità antica in forme contemporanee e tessuti preziosi nella quarta giornata della fashion week

Written By:

|

28 February 2015

|

Posted In:

Femminilità antica in forme contemporanee e tessuti preziosi nella quarta giornata della fashion week
Roberto Cavalli

Roberto Cavalli

Le passerelle milanesi

Roberto Cavalli

Roberto Cavalli

 si interrogano, nella quarta giornata della fashion week, sul futuro della Maison Cavalli: sarà  questa l’ultima sfilata di Roberto Cavalli prima di passare il testimone?

Risposte in tal senso nessuna, ma sorprese, quelle sì, tante in passerella: sfilano abiti corti e lunghi, in sete preziose, ricami Ming e dragoni cinesi, cappotti maculati con fiori di oppio dipinti a mano, scarpe dai tacchi in plexiglass, bassi, arricchiti da fiori di loto dorato.

Salma Hayek

Salma Hayek

Scarpe basse o al massimo pochi centimetri anche da Bottega Veneta (ospite d’onore la bellissima Salma Hayek) e stivaletti in vernice stretch o bebè con tacco cinque da Aquilano Rimondi.

Scervino

Scervino

Ermanno Scervino colpisce con la ricchezza dei suoi abiti da sera, dalle linee perfette, che avvolgono il corpo in sete, rasi preziosi e organza, drappeggiata in modo contemporaneo.

Sfila il bianco piumino couture rigorosamente imbottito di ovatta. Bianco anche il completo gonna stretta e lunga casacca rimborsata sui fianchi con effetto gauffre. E ancora, i cappotti di tessuto maschile in Galles e pied de poule ingigantito, i cappotti blu profilati di visone e le pellicce intarsiate.

Sfilata applauditissima anche durante l’uscita del notevole abito da sposa, meravigliosamente indossato dalla super modella canadese Jessica Stam.

Scervino

Scervino

Scervino

Scervino

Scervino

Scervino

Scervino

Scervino

Share This Article

Related News

Tradizione e innovazione: le ultime tendenze per la moda maschile presentate durante la Milan fashion week
Reality, quiz, talk e roventi cucine … l’involuzione della tv
Una nuova edizione di Milano Moda Uomo

About Author

Diletta Maria Cecilia Loragno

Leave A Reply

Leave a Reply