Wednesday, May 29, 2024

Uso Efficiente dei Condizionatori: la guida completa

Il consumo energetico di un condizionatore è influenzato da molti fattori, tra cui l’esposizione solare, l’ampiezza della stanza, il tipo di dispositivo e la sua classe energetica. 
In questo articolo, esploriamo tutte queste variabili e forniamo consigli su come scegliere un condizionatore che si adatti alle proprie esigenze.

Quanto consuma un condizionatore?

Il consumo energetico di un condizionatore varia notevolmente a seconda di numerosi fattori. Innanzitutto, bisogna considerare il prezzo medio del kWh di energia in base alla propria offerta, che al momento si aggira intorno a 0,118 €/kWh. Questo valore, insieme ad altre componenti come le tasse e le spese per il trasporto e la gestione dei contatori, costituisce il costo finale in bolletta. Considerando un condizionatore con un consumo energetico stimato di 1.000 W in funzione per 6 ore al giorno, la spesa quotidiana sarà di circa 0,708 euro.

Tuttavia, la situazione può variare considerevolmente. Infatti, diversi fattori ambientali e strutturali possono influenzare il consumo del tuo condizionatore. L’esposizione solare e l’ampiezza della stanza in cui è installato il condizionatore, per esempio, possono avere un grande impatto sui costi energetici.

A questo proposito, i condizionatori con:

  • classe A+++ consumano in media 160 kWh all’anno;
  • classe A++ consumano circa 186 kWh all’anno.

I modelli più inefficienti possono arrivare a consumare fino a 430 kWh all’anno.

Classe Energetica: come sceglierla?

La scelta della classe energetica di un condizionatore è un fattore cruciale per un uso efficiente dell’energia. Le classi energetiche vanno dalla A+++ alla F, dove A+++ indica la massima efficienza. Optare per un condizionatore di classe A o superiore garantisce prestazioni elevate e consumi contenuti.Sebbene l’investimento iniziale per un dispositivo di classe superiore possa essere più elevato, il risparmio energetico futuro bilancerà tale spesa.

I condizionatori di classe A+++ offrono la massima efficienza energetica grazie a specifiche caratteristiche tecniche come un consumo annuo in modalità raffrescamento di circa 160 kWh (30% in meno rispetto a un modello di classe A++).

Alcuni modelli avanzati presentano funzionalità aggiuntive, come sensori per rilevare la presenza di persone o per misurare l’umidità e la qualità dell’aria, permettendo al condizionatore di regolare automaticamente il suo funzionamento per massimizzare l’efficienza e il comfort termico.

Condizionatore Inverter: come funziona?

Il funzionamento di un condizionatore inverter può essere meglio compreso confrontandolo con un condizionatore tradizionale on/off. La principale differenza tra i due riguarda il comportamento del compressore, il componente chiave che trasforma e trasporta il refrigerante tra l’evaporatore e il condensatore, regolando così la temperatura interna.

Un condizionatore tradizionale opera a piena capacità fino a quando la temperatura desiderata non viene raggiunta; a quel punto, il compressore si spegne. Se la temperatura sale, il compressore si riaccende, lavorando di nuovo al massimo fino a raggiungere la temperatura desiderata. Questo ciclo di spegnimento e riaccensione consuma più energia e può portare a fluttuazioni indesiderate nella temperatura ambiente.

Al contrario, in un condizionatore inverter, il compressore non si spegne mai. Al raggiungimento della temperatura desiderata, anziché spegnersi, il compressore modula la sua velocità di funzionamento, operando al minimo fino a quando non è richiesta un’ulteriore regolazione della temperatura. Questa capacità di adattamento consente ai condizionatori inverter di offrire prestazioni ottimali in qualsiasi condizione, mantenendo la temperatura ambientale più stabile e contribuendo a un ambiente più confortevole.

Isolamento di pareti, finestre e impianto

Per ottenere il massimo dall’uso del condizionatore e ridurre significativamente il suo consumo energetico, è indispensabile l’adozione di un efficace ed efficiente sistema di isolamento termico.  Ci sono due tecniche di coibentazione termica predominanti:

  • il cappotto termico;
  • l’insufflaggio termico, quest’ultimo ideale per edifici con muri a cassetta o intercapedini vuote.

L’isolamento termico delle pareti interne riduce la dispersione termica, mantenendo la casa fresca in estate e calda in inverno, con conseguente uso più efficiente dell’energia e riduzione dei costi di climatizzazione.

Importante è anche l’isolamento dei tubi del circuito refrigerante presenti all’esterno dell’abitazione.

Altri piccoli gesti quotidiani per risparmiare con il condizionatore

Infine, vi sono moltissimi accorgimenti quotidiani che possono essere applicati per migliorare l’efficienza del sistema di raffreddamento nel lungo periodo. Sebbene con questi non ci saranno miglioramenti evidenti fin da subito possono essere impattanti in modo cumulato dopo mesi di attuazione.

Piccoli gesti quotidiani e/o ricorrenti possono essere:

  • ridurre la luce del sole durante le ore più calde del giorno;
  • controllare eventuali fuoriuscite d’aria;
  • pulire e/o sostituire i filtri del condizionatore regolarmente;
  • riduci le fonti di calore interne come elettrodomestici che riscaldano eccessivamente;
  • raffredda solo gli ambienti strettamente necessari e di dimensioni minori;
  • programma in modo ricorrente un controllo di un tecnico.

Fonte dell’articolo

redazione
redazione
Tiziano Thomas Dossena, Leonardo Campanile, LindaAnn LoSchiavo, and Dominic Campanile

Related Articles

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

L'angolo della poesia

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest Articles