Tuesday, February 20, 2024

Concerto di Natale

di Isabella Rossiello

Applausi e bis per L’Orchestra Sinfonica del Conservatorio Bruno Maderna  di Cesena, diretto dal Maestro Paolo Manetti per il Concerto di Natale al Teatro Bonci di Cesena.

Con le musiche di Tchaikovsky e Strauss, un pubblico entusiasta ha accolto con gioia famosissime arie come “La Danza dei Confetti” , “La Danza dei Cigni”; di Strauss si è ascoltato “Il  bel Danubio Blu”,  il “Valzer dell’Imperatore”.

Imponente ma anche leggero Tchaikowskij, e romantico Strauss; le musiche del primo che è il più occidentale fra gli autori russi, ha visitato L’italia, la Germania, Francia e altri paesi assorbendone le sonorità.

Strauss racconta un’epoca, fatta di bei e giovani tenenti, a caccia di amori veloci soprattutto fra le governanti nei parchi con bambini di famiglie di alta società, a propopsito solo i soldati di buona famiglia potevano fare carriera, agli altri erano destinati alla prima linea, ossia carne da macello.

Chi sono questi due giganti della musica?

Tchaikowskij. Ufficio stampa Teatro Bonci

 

Tchaikowskij nacque a Vokinsk il 7 maggio 1840; esprime il periodo tardo romantico e unisce musica tradizionale russa alle influenze di altre opere dategli dai frequenti viaggi in Europa.
Nonostante i grandi successi non gli fu mai perdonata la sua omosessualità e la sua morte,  causata probabilmente dal colera (auto indotto o avvelenamento da terzi), è un mistero.
Morì a San Pietroburgo il 6 novembre 1893.

Strauss. Ufficio stampa Teatro Bonci

Johan Strauss figlio nasce a Vienna il 25 ottobre 1825 nato in una famiglia di musicisti, il suo destino fu inevitabike, nonostante il padre fosse il suo più acerrimo nemico in quanto monarchico e il figlio rivoluzionario (suonò in pubblico la “Marsigliese”, allora vietatissima), in breve divenne il re del valzer, danza all’inizio ritenuta scandalosa poichè ci si abbracciava in modo troppo stretto.
Strauss viaggiò tantissimo e fece tournee amche in America, in Europa e in Italia dove omaggiò Giuseppe Verdi; si sposò tre volte ma non ebbe figli, e morì a Vienna il 3 giugno 1899.

Una serata emozionante e un pubblico emozionato, nella speranza che anche poche ore abbiano fatto dimenticare piccoli e grandi problemi.

Isabella Rossiello
Isabella Rossiello
Isabella Rossiello ha insegnato italiano ad Amburgo e Berlino. Tornata in Puglia si e` occupata di moda e grafica divenendo Co–titolare di Deus Ex Machina Pubblicità con sede a Bitonto, con il ruolo di Art Director, trasferendosi prima a Bratislava e poi a Cesena, dove tutt’ora vive e lavora come grafico e giornalista,

Related Articles

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

L'angolo della poesia

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest Articles