Thursday, May. 28, 2020

“8 MARZO”

Written By:

|

4 March 2019

|

Posted In:

“8 MARZO”

Se fossi donna, all’uomo mio direi così: ” Mimose? No! Lasciale sull’albero le mimose. Sono altre le cose che desidero, io assieme a tutte le donne della terra. Cerco giorni di luce e di libertà per una nuova esistenza, per spezzare tutte le catene che da mille e mille secoli mi hanno fatto schiava. Cerco spazi di cielo per dare vita ai miei pensieri, ai miei sogni, alle mie speranze. Non voglio né carità né concessioni. Il posto che mi spetta me lo conquisto, ora dopo ora, giorno dopo giorno, con le mie forze e le mie qualità. Sappilo: ho tutti i requisiti per riuscirci, e bene! Non sono più disposta ad essere bambolina e mercanzia che ciascun uomo può comprarsi come vuole. Cerco un confronto onesto e serio per vedermi riconosciuti, finalmente, gli stessi diritti che hai tu! Non voglio né fiori, né menzogne, né inganni. Voglio che a nessun uomo sia più permesso di soffocare il mio coraggio, i miei sogni e la mia determinazione di vedermi padrona assoluta della mia vita. Mimose? Lasciale sull’albero le mimose e, soprattutto, non confondere l’amore con il possesso. Ricordati che “amare” vuole dire innanzitutto “dare”. Mettiti al mio fianco e fa sì che ogni giorno, tutti i giorni dell’anno, sia la mia festa. Non ho bisogno di mimose, né di chiacchiere, né del fumo di falsi e ingannevoli complimenti. Voglio rispetto, amore, dignità, giustizia. Questo è “ l’ 8 marzo “, per me e per tutte le donne del mondo.”

Share This Article

Related News

SE MUORE LA VIA DEI PASTORI MUORE IL CUORE DI NAPOLI
COME E’ POSSIBILE CHE UN GRANDE UOMO DI CULTURA POSSA DIVENTARE PIU’ PICCOLO DI UNO SCUGNIZZO CON POCHI STUDI!
I  VECCHI  CHE  SE  NE  VANNO SONO QUEI BAMBINI DEL ‘40 CHE – NON SEMPRE! – RIUSCIVANO A MANGIARE UNA FETTINA DI PANE  FATTO CON UN PUGNO DI FARINA E TANTA SEGATURA.

About Author

Leave A Reply

Leave a Reply