Wednesday, Apr. 25, 2018

E il festival di Sanremo riscoprì la musica

Written By:

|

8 February 2018

|

Posted In:

E il festival di Sanremo riscoprì la musica

Articolo e foto di Isabella Rossiello

Claudio Baglioni, presentatore del festival, lo aveva annunciato, la musica sarà la protagonista ed è stato di parola.
Pochi sketch, alcuni onestamente inutili, chi lavora difficilmente riesce ad arrivare all’una di notte e da anni questo è un tema discusso e mai risolto, cara Rai 1 sei la Tv di tutti vero?
Ad accompagnare il presentatore, un attore bravo che si sta rivelando bravissimo cantante, ballerino e presentatore, una piacevolissima sorpresa.
La presenza femminile è l’altrettanto brava Michelle Hunziker, che con dolcezza e simpatia è da anni amatissima dagli italiani; lei è svizzera.
Fiorello, noto showman ha avuto un compito arduo e di fare da “scalda pubblico” all’esordio del cantante/neo conduttore. Perché arduo? Semplicemente perché L’Italia è perennemente in clima elettorale e fare battute sull’attualità e sui politici può causare amare conseguenze, vedi Grillo che fu epurato o anche Luttazzi e Biagi…
Fiorello invece ha elegantemente preso in giro tutti, tanto che gli stessi politici bersagliati si sono complimentati con lui.

Le canzoni come al solito si dividono in sanremesi e tentativi più o meno riusciti di innovazione.
Ermal Meta e Fabrizio Moro hanno portato una canzone orecchiabile e dal contenuto sociale importante, ma la canzone pare sia un rimaneggiamento di un’altra canzone presentata anni prima e questo ha portato prima ad una sospensione, poi uno staff di avvocati ha deciso, regolamento in mano, di riammetterli in gara.
Luca Barbarossa ha presentato un brano in romanesco molto poetico e con un ritmo ballabile.
Un grande ritorno è quello di Ornella Vanoni, gran signora della canzone italiana, insieme a due bravi cantanti e autori come Pacifico e Bungaro.
Naturalmente i gusti sono diversi e il festival deve accontentare i pensionati come i teenager quindi si spazia dai Kolors ai Pooh, gruppo storico italiano,seppur dimezzati.
Molti cantanti da cui ci si aspettava performance diverse dalla loro abituale stile musicale hanno portato brani troppo” sanremesi”, però ovviamente ognuno difende il proprio lavoro, come un grande artista come Mario Biondi o Roy Paci e Diodato.

Lo spettacolo comunque è piacevole e si guarda volentieri.

Share This Article

Related News

I giovani prodigi musicali italiani suonano al Carnegie Hall e New York s’innamora di loro…
La voce del romanticismo vista da Salvatore Margarone e Mara Paci
Tchaikowsky , Lo Schiaccianoci  e …

About Author

Isabella Rossiello

Leave A Reply

Leave a Reply