Monday, February 26, 2024

Tutankhamon, 100 anni di misteri: il Veneto accoglie l’Egitto nel segno della cultura

Circa 100 visitatori alle 11.15 hanno atteso in coda all’esterno della mostra “Tutankhamon, 100 anni di misteri” allestita da Venice Exhibition Srl nel palazzo trecentesco in campo San Maurizio, a Venezia, lo svolgimento della cerimonia ufficiale di taglio del nastro dell’evento espositivo intitolata “Il Veneto accoglie l’Egitto nella cultura”, che ha visto partecipare il Console Generale di Milano per la Repubblica Araba d’Egitto, Manal Mohamed Abdeldayem, e il Presidente del Consiglio Regionale del Veneto, Roberto Ciambetti. Le autorità rappresentative dell’Egitto e del Veneto sono state accolte al polo espositivo dalla presidente dell’associazione italo-egiziana “Eridanus”, Chiara Cavalieri, e dall’AD di Horus Limited, Mohammed Atef Adbel Shafi, società che ha fornito a Venice Exhibition srl una parte cospicua dei manufatti esibiti nella mostra internazionale, attorniati dalla presenza della ex Console onorario del Veneto per la Repubblica di Serbia, Loreta Baggio, e dal vice Presidente dei Consoli Onorari in Italia, Mattia Carlin.
“Non è la prima volta che Venezia ospita una mostra dedicata all’antico Egitto — ha dichiarato il Presidente del Consiglio Regionale del Veneto, Roberto Ciambetti. Da presidente del Consiglio regionale penso, innanzitutto, alla grande esposizione “I Tesori dei faraoni” organizzata dalla Regione a palazzo Ducale nel 1984. Oggi, con questa esposizione dedicata a Tutankhamon, 100 anni di misteri, in occasione del centenario della scoperta da parte di Howard Carter della tomba quasi intatta di questo faraone minore si offre l’occasione ai visitatori di palazzo Zaguri di vivere una esperienza immersiva grazie alla tecnologia di realtà virtuale di ultima generazione in 8k che integra l’esposizione di oltre un migliaio di reperti. È affascinante una mostra che partendo dalla seconda metà del 1300 avanti Cristo ci proietta in realtà verso la didattica e la divulgazione del futuro che, con l’imminente rivoluzione tecnologica, pensiamo anche solo al Metaverso, aprirà nuovi orizzonti”.

“Venezia” ha aggiunto il Presidente Ciambetti “ospitando questa mostra, dimostra ancora una volta come un gioiello d’arte e di cultura può essere una protagonista del dibattito culturale contemporaneo: lo fa con la Biennale, con molte benemerite Fondazioni e Istituzioni, dalla Cini all’Ateneo veneto o Querini Stampalia e via dicendo, lo fa anche con palazzo Zaguri e lo farà sempre più anche con iniziative chiaramente divulgative come quella dedicata a questo faraone minore, che nel coso di questi ultimi cento anni, nonostante la sua marginalità nelle evoluzioni della Diciottesima dinastia, grazie alla scoperta di Carter è diventato sinonimo ed emblema per il grande pubblico dell’Antico Egitto”.
“È per me un grandissimo onore — ha esordito il Console Generale di Milano per la Repubblica Araba d’Egitto, Manal Mohamed Abdeldayem — poter partecipare al taglio del nastro in questa preziosa occasione. Ringrazio per tale opportunità in primis il Presidente del Consiglio della Regione Veneto il Dottor Roberto Ciambetti, importante figura a livello nazionale ed europeo che ha particolare attenzione per le tematiche legate all’ambiente ed alla sostenibilità, argomento che ci sta particolarmente a cuore visto che l’Egitto ospita proprio in questi giorni a Sharm Elsheik la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici”.
“Ringrazio — ha concluso il Console Abdeldayem — anche Venice Exhibition Srl ed Horus Limited, nella persona di Mohamed Atef Abdelshafy, che hanno reso possibile l’evento, un evento che risplende nella cornice di Palazzo Zaguri, fiore all’occhiello di questa splendida Città che è Venezia. Una città gemellata simbolicamente e storicamente con Alessandria d’Egitto per le vicende legate all’amatissimo San Marco, Patrono della Serenissima. Come Ambasciatrice di una Nazione ricca di cultura e storia millenaria ho l’immenso piacere di poter apprezzare le bellezze di questa Città, che nei secoli ha sempre intrattenuto rapporti commerciali e scambi interculturali con il mondo arabo, scambi che continuano tutt’oggi, ne è testimone proprio questa mostra. Una mostra che lega a doppio filo l’Egitto e l’Italia, due Paesi accomunati dalle infinite bellezze artistiche ed archeologiche. Oggi Tuthankhamon è vivo più che mai, con la sua storia, il ritrovamento della sua tomba ed i tesori in essa contenuti: il ‘Faraone bambino’ che da sempre ci affascina, ci commuove e ci fa sognare”.
La cerimonia ha ricevuto gli applausi dei visitatori in attesa che l’hanno vissuta come una piacevole sorpresa durata pochi minuti prima di riprendere le normali attività di bigliettazione all’ingresso. Le autorità dopo il taglio del nastro hanno proseguito con una visita guidata all’interno dell’allestimento in 36 sale distribuite sui cinque piani di Palazzo Zaguri. (aise) 

Related Articles

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

L'angolo della poesia

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest Articles