Monday, January 30, 2023

La medicina illustrata nei miniati della Biblioteca di Napoli

 Fino al 5 febbraio è possibile visitare la mostra “La medicina illustrata. Arte e scienza dal medioevo alla prima età moderna manoscritti e libri a stampa della Biblioteca Nazionale di Napoli”, a cura di Daniela Bacca, Claudia Grieco e Maria Gabriella Mansi della Biblioteca Nazionale “Vittorio Emanuele III” di Napoli, in collaborazione con Teresa D’Urso, Andrea Improta e Sandra Perriccioli del Dipartimento di Lettere e Beni Culturali dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”.
Sotto gli occhi del visitatore sfilano vere meraviglie: il famoso Dioscoride napoletano, raro esempio di erbario tardo antico illustrato a mano, i manoscritti di fine 300 della celebre Scuola salernitana, che svolse un ruolo di primo piano nello sviluppo degli studi di medicina durante tutto il medioevo, e tra questi I commentari di Galeno (c. 129-201 d.C.) alle opere di Ippocrate (c. 460-377 a.C.); il De medicina di Celso, tra i testi medici più belli prodotti a Napoli nel 400, impreziosito da iniziali, fregi e cornici, verosimilmente realizzato per Ferrante d’Aragona duca di Calabria (c. 1455-1458).
Il percorso della mostra documenta gli albori della medicina e il suo progressivo sviluppo evidenziano l’affermarsi fin dall’antichità di una visione della cura che guarda all’uomo in modo più completo e che adotta il concetto di mantenersi a lungo in buona salute prendendo in esame l’intervento assistenziale, le cure termali e le regole igieniche.
Tra le curiosità in mostra anche la matricola della confraternita napoletana dell’Ospedale di Santa Maria del Popolo degli Incurabili, una delle più importanti istituzioni assistenziali napoletane.
All’inizio del fascicolo, compare lo stemma dell’imperatore Carlo V, che fu tra i primi governatori della confraternita, accanto a quelli di papa Leone X e della città di Napoli. I benefici terapeutici delle acque termali della zona flegrea sono protagonisti delle eleganti xilografie che illustrano l’edizione ampliata del De Balneis puteolanis di Pietro da Eboli e la Cronaca di Partenope, stampate a Napoli rispettivamente nel 1507 e nel 1526.
“La mostra – spiega la Direttrice della Biblioteca Maria Iannotti – offre l’occasione per misurare la varietà ed importanza del patrimonio librario della biblioteca napoletana che conserva edizioni di grande pregio ed unicità come il Dioscoride napoletano, un codice membranaceo di rarissima di fattura italiana del trattato di farmacoterapeutica di Dioscoride di Anazarbo, vissuto nel I secolo d. C. L’opera costituisce inoltre una fonte fondamentale per lo studio della cultura medica greco-romana e della sua ricezione nel mondo bizantino italiano tra la fine del VI e l’inizio del VII secolo. La selezione di manoscritti miniati di incredibile bellezza che esponiamo, prodotti tra il VI e il XVI secolo e di incunaboli e cinque centine, documenta come il libro illustrato, sia manoscritto che a stampa, sia stato per secoli il principale veicolo di trasmissione del sapere. Anzi proprio i libri di argomento medico dimostrano come la Medicina si è avvalsa dell’illustrazione per elaborare un sistema di immagini che potesse aiutare il lettore a comprendere meglio e a memorizzare il testo dando vita all’affermarsi di una specifica tradizione iconografica”.
Il percorso espositivo consente di cogliere l’importanza rivestita dall’illustrazione libraria nel trasmettere la cura della salute e, nel contempo, traccia una storia delle illustrazioni a scopo scientifico, spesso affidate a miniatori, disegnatori e incisori, talvolta anche di grandi qualità artistiche, che hanno contribuito a consolidare una tradizione iconografica per gli erbari di piante e frutti con funzione medicinale, e per i trattati di medicina, invece, di strumenti chirurgici, raffigurazioni anatomiche e di altri interventi connessi alla cura delle malattie, come l’osservazione delle urine.
L’importante mostra è organizzata dalla Biblioteca Nazionale “Vittorio Emanuele III” di Napoli in collaborazione con il Dipartimento di Lettere e Beni Culturali dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”, con il sostegno dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli” e della Fondazione Bracco di Milano. La mostra è accompagnata da un catalogo di Campisano Editore. (aise) 

redazione
redazione
Tiziano Thomas Dossena, Leonardo Campanile, LindaAnn LoSchiavo, and Dominic Campanile

Related Articles

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

L'angolo della poesia

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest Articles

SPECIAl SALEspot_img