Tuesday, April 16, 2024

I migliori vini italiani premiati a Milano. Un evento sensoriale in una location unica.

Articolo di Diletta Maria Cecilia Loragno

A fine novembre, in una cornice unica, l’hotel 5 stelle Magna Pars di Milano, in un’atmosfera elegante e glamour, si è svolta una tre giorni dedicata all’eccellenza, egregiamente condotta da Luca Maroni, Analista Sensoriale di fama internazionale, per il suo rivoluzionario approccio alla degustazione dei vini.

In un’autentica location à parfum, si è partiti giovedì 23 novembre con la premiazione dei migliori vini lombardi e la presentazione del nuovo micro volume ‘I Migliori dei Migliori Vini Italiani di Luca Maroni’.

Luca Maroni

Luca Maroni ha guidato il pubblico, allietato dalle note del duo jazz formato da Andrea Polinelli e Antonio Magli, alla facile acquisizione del principio della piacevolezza del vino, facendo sperimentare in prima persona come gustare le ricchezze vitivinicole della Regione e le eccellenze del territorio della Tuscia.

Luca Maroni ha condotto il neofita come pure l’appassionato attraverso un percorso di fascinazione sensoriale.

Grande successo ha riscosso il ‘laboratorio di degustazione polimaterica’, guidato da Luca Maroni e da Ambra e Giorgia Martone, le fondatrici del laboratorio LabSolue, con la partecipazione di Riccardo Beretta, giovane artista tra i più originali del contemporaneo, che  vive e lavora a Milano e ha fatto del legno una pittura, dipingendo per sottrazione ed inventandosi sfumature mai osate prima, tramite l’incisione di diversi sfogliati del tronco, attraverso un gesto di rimozione e d’improvvisazione.

Un evento davvero coinvolgente, che ha incuriosito ed entusiasmato i presenti nel corso delle diverse serate: ai profumi inebrianti di sublimi nettari nei calici si affiancavano, infatti, in modo sorprendente, le sublimi essenze LabSolue e il profumo deciso del legno.

Sono stati infatti saggiati, valutati e scoperti i riflessi odorosi e i rispettivi sentori profumati di legni, vini ed essenze, per la prima volta degustati in comparazione l’uno con l’altro.

Piccole porzioni di legno in forma di tasto di pianoforte -selezionate da Riccardo Beretta – provenienti dal Cedro del Libano come pure dalla Quercia o dal legno di Pero – sono stati affiancati dalle essenze odorose ottenute dai medesimi alberi, prodotte dall’ICR Cosmetics della famiglia Martone formando nell’apparato olfattivo dei presenti un meraviglioso continuum di profumi e sensazioni tattili e gustative.

Diletta Maria Cecilia Loragno
Diletta Maria Cecilia Loragno
Diletta Maria Cecilia Loragno si è laureata in Lettere Classiche con il massimo dei voti e la lode con una tesi di Laurea in Letteratura Greca presso l’Università di Bari, dove ha conseguito anche il titolo di Dottore di Ricerca in Italianistica, completando il suo percorso di studi presso l’Università Cattolica di Milano con il Master in Museologia, museografia e gestione dei beni culturali. Ricevuta la Nomina di Cultore della Materia dall’Università di Bari, ha partecipato in veste di relatore a diversi seminari e convegni nazionali e internazionali.. Letteratura e Arte hanno sempre occupato un posto speciale nella sua formazione: nei suoi reportage giornalistici, la moda è descritta, con un linguaggio naturale e armonico, come una sublime forma d’arte. Segue tutto ciò che riguarda il Made in Italy e il Lifestyle, dal food al wine passando per il glamour e il design. E’ Art Director dal 2017 dell’evento da lei ideato e curato presso l’isola di Capri, ‘Capri Incontra’, un pomeriggio dedicato alle Emozioni. E’ iscritta all’Ordine dei Giornalisti (Elenco Pubblicisti) dal 2007.

Related Articles

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

L'angolo della poesia

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest Articles