Sunday, February 25, 2024

Due poesie della nostra collaboratrice letteraria Marina Agostinacchio che faranno sognare i nostri lettori…

 

Bianca vernice

Bianca vernice, bianca per salpare.
Sullo scafo il mio nome? Trasparenze
e tumulto. Nessuna traccia, eppure
carta e penna indelebile … come
se latte rovesciato su blu inchiostro,
spugna su lobi e collo disarmati.
Quale brivido intuisce la ruvida
pelle? Tagli e ferite ancora aperte.
E tu ora non sei pronta per salpare.

Gennaio 2020



Cittadini d’aria.

Tu eri nell’aria intermittente della
sera. Ultima sera di un ottobre ebbro
di campane sul bucato raccolto
da fili al vento. Mi sono levata
leggerissima levata nel canto
sottovoce di lettere sul vetro.
Mi fissavi in un tempo disadorno.
Vento e nuvole bussano a ritroso.
Mi salvo da pozzanghere e frastuono
di aerei e legna accatastata. È l’ora
che fermo sul limite di terrazze,
d’orti e rivoluzione.
Bisbigli… Ombre.

25 ottobre 2019

Marina Agostinacchio
Marina Agostinacchio
Nel 1998 e nel 2007, Marina Agostinacchio è tra i vincitori del concorso nazionale di poesia “Premio Rabelais”. Nel 2006 è tra i finalisti del Premio “Tra Secchia e Panaro”. Nel 2002 ha ottenuto il Premio internazionale Eugenio Montale per l’inedito. Nel 2006 pubblica la raccolta di poesie Porticati, nel 2009 la raccolta Azzurro, il Melograno, nel 2012 Lo sguardo, la gioia, nel 2014 Tra ponte e selciato. Nel 2021, Marina Agostinacchio ha pubblicato i volumi bilingue di poesie "Trittico Berlinese", 2021, e "In the Islands of the Boughs", 2023.

Related Articles

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

L'angolo della poesia

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest Articles