Friday, March 1, 2024

Continua l’attività stromboliana dell’Etna

Taormina-Etna
etna3Dopo l’evento parossistico al cratere “Voragine” avvenuto il 3 dicembre, è continuata l’attività stromboliana  all’interno dello stesso Cratere. Nella mattina del 4 dicembre,  l’intensità delle esplosioni è progressivamente cresciuta  culminando, intorno alle ore 9:00 UTC (10:00 ora italiana),  in un nuovo parossismo con formazione di fontane di lava  e di una colonna eruttiva di magma, cenere e gas che si è elevata verticalmente ad almeno  7  km di altezza dalla sommità del vulcano,  per poi espandersi verso i quadranti meridionali, trasportata dai venti dominanti che sono comunque di  debole intensità. In concomitanza con questa attività  si sono osservate significative emissioni di cenere dal piccolo cratere a pozzo che si è formato sull’alto fianco orientale del “Nuovo Cratere di Sud-Est” alla fine di novembre. L’altezza massima raggiunta dalle ceneri vulcaniche non è attualmente stimata.

etna1

Gli eventi parossistici avvenuti al cratere “Voragine” il 3 e 4 dicembre 2015 si caratterizzano per essere tra i più energetici dell’Etna nell’ultimo ventennio. In particolare  il cratere “Voragine” è stata luogo di due parossismi particolarmente intensi, il 22 luglio 1998 e il 4 settembre 1999, con caratteristiche simili a quelle dei  due parossismi avvenuti in dicembre 2015.
I rilievi di terreno in corso, le analisi di laboratorio dei prodotti eruttati e l’integrazione dei dati acquisiti dalle reti di monitoraggio dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), contribuiranno a definire nei prossimi giorni le caratteristiche e a ricostruire con precisione le dinamiche eruttive di questi due eventi.

etna2

editoreusa
editoreusa
Tiziano Thomas Dossena, Direttore Editoriale della rivista.

Related Articles

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

L'angolo della poesia

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest Articles