Tuesday, April 16, 2024

ARGONAUTI al XIII Festival del Teatro Romano di Volterra

11709581_10205320473948841_3835677882114052529_nProva d’attrice a Volterra per Cinzia Maccagnano nei panni di Medea, con Argonauti , da Apollonio Rodio, Franz Grillparzer ed Euripide, da un’idea drammaturgica di Maurizio Donadoni, dopo lo spettacolo da Aristofane che l’ha vista protagonista ed ha inaugurato il XIII Festival internazionale del Teatro Romano di Volterra.
Molto interessante la combinazione tra la musica di scena e la recitazione della Maccagnano, capace d’inserire la battuta teatrale in quella musicale, in un intarsio vocale di rare difficoltà ed efficacia.
Una Medea che racconta e si racconta, nel contesto di una coreografia in cui muti personaggi, tra cui il Giasone di Stefano Fardelli, la circondano di movenze di danza e nello stesso tempo di compartecipazione all’azione drammaturgica.
11666124_10205320472988817_530040756921083185_n
11695019_10205320471508780_1450615448159330638_n 11703026_10205320472108795_4188499142233096810_n 11705166_10205320473548831_2758125404948671731_n 11709453_10205320472748811_133295204975706241_n11692515_10205320472308800_7576898762841116236_nLa compagnia MDA Produzioni danza, su coreografie di Aurelio Gatti, ha reso palpabili le vicende narrate da Medea, ab origine alla fine tragica, in un ritorno, poi, su se stessa e sull’inizio della propria storia di vita e di morte.
“Accettare di mettere in campo le proprie certezze e confrontarle in quelle di altri uomini fu senz’altro la vera, straordinaria dimostrazione di spregiudicata intelligenza degli Argonauti e lo e’ ancora oggi per tutti gli altri navigatori che decidono di uscire dalla rotta stabilita dalla convenienza e dalle consuetudini per rischiare di sballare, buttare a mare, le proprie convinzioni ormai ben ancorate nel calmo golfo dell’inamovibile buonsenso.

In realtà, il loro è un viaggio onirico, visionario, tramite il quale raggiungeranno il fondo della loro anima, quel luogo remoto e inviolato dove appare la luce della coscienza, della consapevolezza. Un viaggio di iniziazione per danza, teatro e musica.”

(Fonte Teatri di Pietra)

© Natalia Di Bartolo
PHOTO NATALIA DI BARTOLO

Related Articles

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

L'angolo della poesia

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest Articles