Thursday, Jun. 20, 2019

La Sagra de “Il fungo Cardoncello” giunge alla sua “XI edizione”

Written By:

|

17 November 2015

|

Posted In:

La Sagra de “Il fungo Cardoncello” giunge alla sua “XI edizione”

Ogni anno, per alcuni giorni, il fungo Cardoncello, tipico della terra pugliese e dell’entroterra barese, diventa protagonista indiscusso di questa ormai consolidata sagra.

Dopo le tappe a Minervino Murge, Bari (24 e 25 ottobre) e Spinazzola, Bari (30-31 ottobre e 1 novembre), la sagra giunge a Ruvo di Puglia, tra degustazioni, incentrate sulla preparazione di questo fungo, concerti, mostre, escursioni, guide turistiche della città e bancarelle.

front

L’evento, organizzato dalla Pro-Loco di Ruvo di Puglia con il patrocinato di altre organizzazioni del territorio, si è dimostrato un successo sin dalla primissima giornata, la quale si è aperta con l’esibizione della “Birbant Street Band, un gruppo locale della città di Ruvo, che vede i suoi componenti suonare, ballare e marciare per le strade della città a ritmo di musica. Le esibizioni concertistiche si sono susseguite con i concerti de “I galletti della Valle d’Itria” e “I musicanti del Paese Azzurro”, per poi terminare in bellezza con i ritmi gitani della “Municipale Balcanica”. Piazza Le Monache, che prende il nome dell’antico convento monacale collocato nella piazzetta, si è scatenata a ritmo di questo coinvolgente gruppo, allietata dai tanti stand culinari che servivano varie specialità, a base di fungo Cardoncello. L’intrattenimento è stato intervallato dal lancio del pallone aerostatico, tipico elemento festivo dei paesi italiani.

2

Ai turisti Pugliesi e non solo, sono stati offerti tour guidati della città in un connubio tra folklore, arte e cultura, passando per il museo Jatta, la Pinacoteca d’arte moderna, la Cattedrale e il suo ipogeo, la torre dell’orologio, il centro storico, la grotta di San Cleto, e tanto altro.

5

La seconda giornata è stata caratterizzata dalla passeggiata letteraria sulla Murgia, territorio rurale tipico dell’entroterra barese, a cura dell’organizzazione In Folio, in collaborazione con l’organizzazione Sinergie per il territorio. Il filo rosso del tema di questa passeggiata, ispirata a “la transumanza”, fenomeno antico di questa terra, è stato tracciato attraverso poesie e racconti tratti dalla letteratura italiana e straniera. Il percorso, tra il paesaggio naturalistico, è stato intervallato da letture e brevi spiegazioni su fauna, flora e tratti tipici del territorio.

4

Le degustazioni, i mercatini, e gli spettacoli musicali e folkloristici hanno continuato ad intrattenere fino a tarda sera. Sui due palchi, allestiti nel centro storico, si sono succeduti la “Bassa Banda” di Molfetta (BAT), con la sua esibizione itinerante, i gruppi folk “Agnone”, “Lapecheronza” e “Skarìa”, rispettivamente di Agnone (IS), Ruvo (BA), e Deliceto (FG) e “I Guje” di Guglionesi (CB), indossando i loro abiti tipici e suonando strumenti della tradizione popolare.

Il bilancio turistico si è dimostrato particolarmente positivo grazie ai tanti turisti provenienti dalla Puglia, dall’Italia, e dall’estero, tra cui gli Stati Uniti, con tour privati o pullman organizzati.

L’appuntamento successivo si è svolto a Poggiorsini il 14 e 15 novembre e per tutti coloro che amano l’atmosfera delle sagre italiane o per coloro che hanno perso questo evento, il ciclo dell’XI edizione della “Sagra del fungo Cardoncello” continua a Gravina in Puglia (22 novembre) e Cassano delle Murge (28 e 29 novembre).

Share This Article

Related News

Una nuova edizione di Milano Moda Uomo
The Lazy Italian Culinary Adventures. Exclusive interview with Francesca Montillo
Molière  un genio, la pièce teatrale una noia.

About Author

Elisabetta Grasso

Leave A Reply

Leave a Reply