Friday, March 1, 2024

L’ITALIAN AMERICAN M– USEUM PIANGE LA SCOMPARSA DI JACK COMO

Avrebbe compiuto 90 anni ad aprile Jack Como, grande sostenitore ed amico della comunità italo-americana di New York, morto il 24 febbraio scorso. A darne notizia è l’Italian American Museum.

COMO GIACOMOUna vita lunga e piena quella di Giacomo (Jack) Como, iniziata a Castellammare del Golfo, in Sicilia, e terminata nel Queens, a New York.

Ingegnere, educatore, amministratore e attività nella comunità, brillante studente allo Stuyvesant High School e un veterano nella seconda Guerra Mondiale, Como ha lavorato per anni alla General Electric, prima di tornare alla New York University – dove si era laureato – come docente di ingegneria meccanica.

“Jack è sempre stato un uomo che ha vissuto la sua vita con la convinzione che il benessere dell’individuo è direttamente correlato al benessere della sua famiglia e della sua comunità”, ricordano oggi da New York. “Credeva che il segreto per andare d’accordo con gli altri fosse da una parte la tolleranza verso il punto di vista altrui e, dall’altra, la tolleranza delle proprie opinioni”.

Con questa filosofia, “Jack negli anni si è impegnato nelle attività della comunità con tutto se stesso”.  ad un livello tale da verificare il punto di sforzo di molte persone.

Tantissimi gli incarichi ricoperti da Como negli anni, in moltissime associazioni sia americane che italo-americane.

Negli anni, ricorda ancora l’Italian American Museum, “Jack si è dedicato ad aiutare gli italiani e gli italo-americani a liberarsi dagli stereotipi che li hanno accompagnati nel secolo scorso e per eliminare ogni discriminazione che li potesse allontanare dal raggiungimento del loro massimo potenziale .

In qualità di membro della commissione legislativa sull’Istruzione suepriore pubblica, Como ebbe un ruolo molto attivo nel modificare il sistema CUNY così da eliminare ogni discriminazione contro gli italo-americani nelle pratiche di assunzione di docenti e personale; promosse corsi di laurea in Studi Italiani e italo-americani; lavorò per l’avanzamento nello status accademico del John D. Calandra Institute.

Como sarà sepolto secondo il rito cattolico; i funerali si terranno alla St. Kevin’s Church (45-21 194th Street, Flushing) di New York sabato 1 marzo, alle 9.45.

L’Italian American Museum “formula le sue più sentite condoglianze alla famiglia per la perdita del loro patriarca e del nostro grande amico”. (aise)

redazione
redazione
Tiziano Thomas Dossena, Leonardo Campanile, LindaAnn LoSchiavo, and Dominic Campanile

Related Articles

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

L'angolo della poesia

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest Articles