Tuesday, Aug. 21, 2018

QUARANT’ANNI D’AMORE “NAPOLETANO” PER SANT’AGATA E LA MESSA DELL’AURORA

Written By:

|

2 February 2018

|

Posted In:

QUARANT’ANNI D’AMORE “NAPOLETANO” PER SANT’AGATA E LA MESSA DELL’AURORA
Catania è in festa per Sant’Agata, la piccola vergine vissuta nel III secolo. Appartenente ad una famiglia patrizia catanese sin da giovanetta consacrò la sua vita a Cristo Gesù. Quinziano, governatore romano, incantato dalla sua bellezza voleva assolutamente che la fanciulla diventasse sua. Agata fuggì a Palermo ma Quinziano riuscì a individuare il suo nascondiglio, la fece arrestare e tornare a Catania, dove usò tutti i mezzi per sedurla e piegarla ai suoi voleri. Il rifiuto di Agata fu risoluto. Allora il governatore romano iniziò a perseguitarla in quanto cristiana, ma a nulla valsero né le lusinghe né le successive minacce e le indescrivibili torture che martirizzarono la fanciulla messa a morte il pomeriggio del 5 febbraio 251. Subito dopo la morte cominciò a essere venerata dall’intera popolazione, anche quella che professava il paganesimo. Ben presto il culto di Agata si diffuse anche oltre i confini dellla Sicilia. Fu Papa Cornelio che la elevò alla gloria degli altari.

Momenti di vero prodigio sono quelli della Messa dell’aurora. E’ davvero indescrivibile l’emozione che si prova assistendo alla celebrazione del 4 febbraio, all’alba, e poi quando Sant’Agata esce dalla “sua casa”. È “la fine del mondo”: suoni, canti, voci, preghiere, lacrime… e uno scenario di fuochi d’artificio che ci avvolge tutti (e siamo migliaia e migliaia di fedeli e devoti) in un fantastico velo di commozione e di speranze… tutti gli sguardi sono rivolti verso quel visino roseo dall’espressione estatica che ci rapisce e ci indica la “via”, “via” che lei, appena adolescente intraprese con una ferma determinazione che rende orgogliosi tutti i catanesi. Una forza soprannaturale ti cattura e ti fa volare al di là delle cose terrene facendoti finalmente capire, fra i singhiozzi, che la vera realtà supera i confini dell’umano e ti fa “abbracciare” idealmente tutte le persone che ti circondano e che finalmente senti come fratelli, accomunati dall’amore per questa piccola vergine. E da verace scugnizzo nato settantasette anni fa in un vicolo di Napoli mi è venuto naturale il desiderio di esternare nella parlata popolare della mia terra il pathos trasmessomi appunto da questa emozionante Messa celebrata alle prime luci dell’alba nel Duomo di Catania.

Cattedrale di Sant’Agata a Catania

 

 
SANT’AGATA, ALL’AURORA
========================
 
Ancora nun è l’alba e dint’’o Duomo
tanta gente ce sta
ca manco cchiù na spìngula ce trase,
e ancora, ’a dint’’e ccase,
iesceno, tutte chine ’e devuzione,
fedele ’n quantità.
’A folla è tanta, overamente è tanta,
eppure, sti pperzone,
pare addeventano
n’anema sola
tant’è l’ardore, ’a fede e ’a passïone
ca mettono p’’a Santa.
È notte ancora, ma,
Catania, tutta quanta,
è nu ricamo ’e luce tuorno tuorno,
è notte futa e pare miezejuorno,
è vierno chino e pare già l’està
tant’è ’o calore
ca ’o popolo carnale,
’e gente cchiù sincere,
mettono int’’e pparole ’e sti ppreghiere.
So’ viecchie, piccerille,
so’ femmene d’età, songo figliole,
è tuttuquanto ’o mmeglio ’e ’sta città
ca parla cu’ Sant’Agata, ch’’a chiamma…
e ognuno l’addimanna quacche cosa,
ognuno le suspira na prumessa,
le fa nu vuto… e prega, e prega… e ’a cerca…
e comme ’a Santa iesce ’ncopp’’altare
è na schiuppata ’e gioia…
’e lacreme… d’ammore…
e tanno tanno,
’a dint’’e core ’e tutte chesti gente,
scumpare ogni tristezza, ogni malanno,
ogni mumento scuro…
P’ogni fedele, p’ogni catanese,
ce penzarrà Sant’Agata,
è sicuro!
Raffaele Pisani, napoletano a Catania

Share This Article

Related News

CARTOLINA DAL MINNESOTA. Poesia di FABIO STRINATI
FESTA DELLA MAMMA, la meravigliosa poesia “Mia madre” di Edmondo De Amicis tradotta in napoletano
Tunnel Rats, a poem by Mary Rorro

About Author

Leave A Reply

Leave a Reply