Monday, Oct. 21, 2019

Morandi-esque | 25 settembre – 1 dicembre 2019 | Casa Morandi, Bologna | Nell’ambito di Bologna Design Week

Written By:

|

25 September 2019

|

Posted In:

Morandi-esque | 25 settembre – 1 dicembre 2019 | Casa Morandi, Bologna | Nell’ambito di Bologna Design Week

Istituzione Bologna Musei | Casa Morandi

Morandi-esque

25 settembre – 1 dicembre 2019 Inaugurazione martedì 24 settembre 2019 h 18.00Mostra realizzata da House of ZKA nell’ambito di Bologna Design WeekBologna, 20 settembre 2019 –

L’universo poetico di Giorgio Morandi con i suoi complessi equilibri compositivi torna a ispirare nuovamente il mondo del design contemporaneo. Nell’ambito della quinta edizione di Bologna Design Week, la manifestazione dedicata alla cultura del design in partnership con Cersaie che si terrà dal 23 al 28 settembre 2019, il Museo Morandi presenta nella sede di Casa Morandi, in via Fondazza 36 a Bologna, il progetto espositivo Morandi-esque.

Credito / Credit: House of ZKA | @houseofzka | www.houseofzka.com

Nell’originale dimora atelier dove il maestro ha vissuto e lavorato dal 1910 al 1964, sono esposti i modelli in 3D ispirati a nove dipinti di nature morte di Giorgio Morandi. Lo sviluppo iniziale delle rappresentazioni è stato realizzato in forma di workshop dedicato alla relazione fra le tecniche architettoniche e l’arte di Morandi, ideato e condotto nel 2018 da Zaid Kashef Alghata, fondatore di House of ZKA, una piattaforma per la ricerca in architettura.

Credito / Credit: House of ZKA | @houseofzka | www.houseofzka.com

Incentrato sulle procedure architettoniche di interpretazione, il workshop ha proposto la comprensione dello spostamento da una prospettiva pittorica, che l’architetto statunitense Peter Eisenman descrive come una “semplice membrana, una linea fra una figura e una superficie” a “un profilo architettonico a tre dimensioni, a un recipiente con una sua propria forma”, producendo così un divario nelle sembianze fra ciò che può essere costruito, sia come speculazione della immaginazione del pittore che come realtà fisica dell’oggetto originario. In una sorta di ribaltamento del processo creativo morandiano, gli studenti sono partiti dall’esito pittorico per tornare alla forma originale attraverso un percorso inverso.

Credito / Credit: House of ZKA | @houseofzka | www.houseofzka.com

La correlazione leggibile fra rappresentazione e oggetto della rappresentazione, inerente alla pratica di architettura, fra il disegno e il modello o il disegno e l’edificio, coinvolge tecniche di analisi e costruzione, interpretazione e documentazione.
I partecipanti al workshop sono partiti analizzando una decina di dipinti dell’artista bolognese, ridefinendoli e ridisegnandoli da un punto di vista architettonico, ma sempre rifacendosi ad un’interpretazione precisa e letterale del dipinto. Pur tentando di rendere gli oggetti con un certo grado di autonomia, si sono sempre assicurati che questi combaciassero con la fonte originale. L’esercizio iniziale ha richiesto un metodo geometrico rigoroso nel tracciare le silhouettes degli oggetti attraverso l’uso di archi e cerchi, ripetendo gli stessi gesti compiuti dallo stesso Morandi nel segnare la posizione dei suoi modelli sul piano di lavoro. Le tracce sono state poi rese in tridimensione attraverso le proiezioni, mantenendo come riferimento la distanza dell’oggetto dalla linea dell’orizzonte presente nel dipinto e il loro angolo prospettico, per limitare così la distorsione del disegno morandiano originale.

Credito / Credit: House of ZKA | @houseofzka | www.houseofzka.com

Sfruttando le sottili variazioni operate da Morandi nel rappresentare sempre lo stesso gruppo di oggetti, le inevitabili discrepanze immaginative hanno creato delle differenze formali e prodotto oggetti dalle molteplici fogge.
Questo lavoro è stato guidato dal pensiero e dal fondamentale insegnamento del noto storico e critico dell’architettura Robin Evans che riteneva il disegno architettonico “non dominante ma sempre interagente con ciò che rappresenta” e ha offerto al contempo un’ulteriore riflessione sui metodi di rappresentazione attraverso le nuove tecnologie digitali.
La mostra Morandi-esque, a cura di House of ZKA, è organizzata da Istituzione Bologna Musei | Museo Morandi.
Il progetto espositivo è reso possibile grazie al generoso supporto di Tamkeen, Bahrain.

Credito / Credit: House of ZKA | @houseofzka | www.houseofzka.com

L’inaugurazione si svolge martedì 24 settembre 2019 alle h 18.00. Per accogliere il pubblico di Bologna Design Week, dal 25 al 28 settembre 2019 Casa Morandi osserverà orari di apertura straordinari: dalle h 17.00 alle 21.00. Domenica 29 settembre apertura dalle h 11.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 21.00. Dal 4 ottobre al 1 dicembre sarà visibile su appuntamento nelle giornate di venerdì e sabato (h 14.00 – 16.00) e domenica (h 11.00 – 13.00). L’ingresso è libero.

Credito / Credit: House of ZKA | @houseofzka | www.houseofzka.com

Durante la settimana del Design, inoltre, sabato 28 settembre 2019 alle h 11.00, presso la sala conferenze del Museo Morandi (via Don Minzoni 14), il curatore Zaid Kashef Alghata sarà protagonista di un talk con Andreas Sicklinger, docente di Disegno Industriale all’Università degli Studi di Bologna. Modera Lorenzo Balbi, responsabile Area Arte Moderna e Contemporanea | Istituzione Bologna Musei. L’ingresso è libero.

Credito / Credit: House of ZKA | @houseofzka | www.houseofzka.com


Zaid Kashef Alghata è docente di Architectural Design e fondatore dello studio House of ZKA.
Ha tenuto lezioni presso UCLA AUD di Los Angeles, Università Americana di Dubai e AIA Middle East in Barhain. È stato inoltre membro nelle giurie di esame di Architectural Association (Londra), SCI-Arc (Los Angeles), Knowlton School of Architecture (Ohio), Columbia’s GSAPP (New York), UCLA’s AUD & Supra Studios (Los Angeles), AA Visiting School (Los Angeles e Mexico City), Urban Design Lab at Columbia’s Earth Institute (New York) e Università del Bahrain (Isa Town).
Ha in corso di realizzazione per YouTube una serie di interviste dal titolo “Clashes and Intersections” con alcuni dei più importanti architetti e teorici dell’architettura del mondo.
Ha ottenuto la laurea con merito in Architettura presso il Southern California Institute of Architecture e una laurea dall’Architectural Association di Londra.
Attualmente sta completando il Master in Architettura presso la Princeton University.
www.houseofzka.com

Share This Article

Related News

“Open Day” delle aree archeologiche e dei cantieri di scavo ad Aquileia
William John Castello and the Mastery of Portraits’ creation. An exclusive interview with the artist.
Regions of Italy seen through portraits, costumes and biographies at the Garibaldi Meucci Museum!

About Author

redazione

Lorem ipsum dolor sit amet. Leggi il profilo completo, clicca qui

Leave A Reply

Leave a Reply