Thursday, September 23, 2021

L’INNO DI MAMELI E’ MERAVIGLIOSO

Sentire cantare “Fratelli d’Italia” dai nostri calciatori e, sono certo, da tutti gli Italiani, alle partite di Coppa conferma, se ce ne fosse bisogno, come il nostro Inno abbia ancora il potere di suscitare sentimenti patriottici e di solidarietà nazionale. Tutti i bastian contrari e le voci dissacranti si rassegnino! Continueremo a cantare “Fratelli d’Italia, l’Italia s’è desta!” con lo stesso entusiasmo e lo spirito di corpo.

Di tanto in tanto leggo lettere di qualcuno che scrive di provare addirittura disagio nell’ascoltarlo e propone di sostituirlo. Altre voci, sempre nel corso di questi ultimi tempi, si sono alzate proponendo di rimpiazzarlo con ‘O sole mio”… “Va’ pensiero” dal Nabucco di Giuseppe Verdi… “Bella ciao”… “La Leggenda del Piave” di E.A. Mario (questa ultima – secondo me – sarebbe l’unica e sola melodia degna di raccogliere tanta preziosa eredità). Personalmente vi confesso con orgoglio che ogni qualvolta ascolto il nostro Inno Nazionale mi sento sempre di più onorato di essere italiano, continuo a commuovermi e continuo a dedicare le mie lacrime e le mie preghiere a tutti quei nostri Caduti che non esitarono un solo attimo ad immolare la loro giovane vita sognando un’Italia unita, giusta, libera e democratica.

Goffredo Mameli

Il nostro Inno sgorga da un momento magico di ispirazione patriottica che provarono due giovani, Goffredo Mameli (1827/1849) e Michele Novaro (1818/1885) quando nell’autunno del 1847 crearono il “Canto degli Italiani”. I versi e la musica lo resero subito il canto più amato dell’unificazione e, non a caso Giuseppe Verdi, nel suo Inno delle Nazioni del 1862, affidò proprio al “Canto degli Italiani” – e non alla Marcia Reale – il compito di simboleggiare la nostra Patria, ponendolo accanto a “God Save the Queen” e alla “Marsigliese”.

Michele Novaro

Dopo circa due secoli l’Inno di Mameli e Novaro rimane ancora la più grande testimonianza del sentimento di quella italianità espressa da tutti i Caduti che seppero realizzare con fede, coraggio e tanti luminosi momenti di eroismo il grande sogno di un’Italia unita e libera scrivendo nella Storia il nostro riscatto. Un commosso pensiero per Goffredo Mameli, morto dopo appena tre mesi dalla proclamazione della Repubblica e per Michele Novaro morto povero, umiliato da difficoltà finanziarie e da gravi problemi di salute. Amiamolo e onoriamolo il nostro Inno.

Amiamo e onoriamo i nostri Caduti cercando di essere sempre degni del loro sacrificio.

Raffaele Pisanihttp://www.raffaelepisani.it/
Poeta in dialetto napoletano e saggista, Pisani ha pubblicato ben 29 libri.

Related Articles

- Advertisement -
- Advertisement -

L'angolo della poesia

- Advertisement -
- Advertisement -

Latest Articles

- Advertisement -
SPECIAl SALE