Friday, Aug. 14, 2020

Lampadine fulminate. Una poesia di Raffaele Pisani.

Written By:

|

25 July 2020

|

Posted In:

Lampadine fulminate. Una poesia di Raffaele Pisani.

 Al sonetto romanesco di Franco Ferrari dedicato alla sindaca Raggi e ai romani, rispondo con quattro versi dedicati ai miei concittadini napoletani affinché ricordino sempre che per fare grande la città occorre un appassionato lavoro di squadra perché se non c’è la collaborazione e il quotidiano impegno di tutti, nessuno escluso, ogni cosa diventa ancora più difficile, quasi irrealizzabile.

 

Lampadine fulminate

 

Avarria vuluto attuorno

meno chiacchiere e cchiù fatte,

na città cu na cuscienza

e no uommene distratte.

 

Ma pecché ’a malincunia

d’ ’a munnezza ammuntunata

ha dda accidere e atterrà

l’allerezza d’ogni strata?

 

Ma pecché nun ce sta genio

’e guardà nu poco nnante

fravecanno cose overe

senza cchiù parlà a vvacante?

 

Putarriamo tutte ’e ccose

accuncià pe’ nu dimane

ch’abbagliasse ogni paese.

Frate mieie napulitane,

 

v’avarria vuluto fuoco

e no cennere stutata,

na surgente d’acqua chiara

e no lota nfracetata.

 

V’avarria vuluto stelle,

comme ’e stelle ’e cchiù allummate,

tutte luce d’oro e no

lampadine fulminate!

 

Raffaele Pisani

Share This Article

Related News

Sorprendendo i Ladri di Thieves in the Family, Raccolta di Maria Lisella
LA QUINTA DIMENSIONE (THE FIFTH DIMENSION), a poem by Tiziano Thomas Dossena
When The World Stopped; a poem by Claudia Lorenzetti Martins

About Author

redazione

Lorem ipsum dolor sit amet. Leggi il profilo completo, clicca qui

Leave A Reply

Leave a Reply