Sunday, May. 26, 2019

La Terza Classe suonerà al festival texano South by Southwest Conference and Festival di Austin (SXSW).

Written By:

|

21 February 2019

|

Posted In:

La Terza Classe suonerà al festival texano South by Southwest Conference and Festival di Austin (SXSW).

LA TERZA CLASSE goes to SXSW!
La band country-folk napoletana è stata selezionata dalla direzione artistica del rinomato festival texano South by Southwest Conference and Festival di Austin (SXSW) per esibirsi dal vivo il prossimo 14 marzo presso lo Stephen F’s Bar di Austin.
Altre info qui https://schedule.sxsw.com/2019/artists/2008668
La Terza Classe inoltre si esibirà in anteprima anche il 09 Marzo presso l’EU STAGE@SXSW

 

Proud to be at the SXSW 2019!
www.laterzaclasse.it
Si ringrazia per il sostegno:
www.SXSW.com
la partecipazione de La Terza Classe al SXSW è sostenuta da:
www.italiamusicexport.com

Dopo un lunghissimo tour Americano di 28 date, in 31 giorni, il gruppo composto da Pierpaolo Provenzano (chitarra, voce), Rolando “Gallo” Maraviglia (contrabbasso, voce), Enrico Catanzariti (percussioni, voce) – con l’ormai consolidata collaborazione dei musicisti Corrado Ciervo (violino, keyboard) e Alfredo D’Ecclesiis (armonica e voce) – torna a suonare negli USA e lo fa al prestigioso SXSW Festival di Austin dove il 14 Marzo, dalle ore 20:00 locali, e in compagnia di altre band italiane, suonerà nello storico STEPHEN F’S BAR di Austin.
La Terza Classe è stata contattata direttamente dalla Direzione Artistica del festival e ha accettato l’invito.
In occasione del loro ritorno negli USA il gruppo farà altre tappe live in Texas come quella prevista il 9 Marzo – ore 06.45 PM – presso l’European Stage @ SXSW.
Molto presto vi comunicheremo le altre tappe texane ma intanto il 22 Febbraio si scaldano i motori con un concerto tutto napoletano. Dopo il grande successo in occasione dei due showcase live di presentazione dell’ultimo disco La Terza Classe torna a suonare nella propria città e lo farà presso il Kestè Abbash in Largo S. Giovanni Maggiore Pignatelli, nel cuore del Centro storico di Napoli.

La band partenopea dallo spirito country ripropone dal vivo i grandi classici del suo repertorio ma soprattutto i brani che compongo il recente EP omonimo pubblicato dalla label Polosud records.
Cinque brani tra folk, pop e bluegrass che segnano l’evoluzione stilistica de La Terza Classe.

Ascoltali o Acquista l’ultimo disco
SPOTIFY https://open.spotify.com/album/02HoOvJ91tttF175mbKFFy
iTUNES https://itunes.apple.com/it/album/la-terza-classe-ep/1439899712
GOOGLE PLAY http://bit.ly/2AvDuJ0
AMAZON MUSIC https://amzn.to/2JlDnCu

[La band è disponibile per interviste]

Ascolta/Guarda il video clip del secondo singolo “Promise” estratto dall’Ep omonimo
https://youtu.be/A8B2WeJsA9c

Ascolta/Guarda il video clip del primo singolo “Have you Again” estratto dall’Ep omonimo:
https://youtu.be/Ujwvd3jqnzY

Alcuni estratti da articoli recenti:

” … è un extended play che ci permette di viaggiare con il Grand Canyon sullo sfondo, ballando la sera intorno a un fuoco, immaginando terre lontane, assi di legno consumate a far da palco. E godersi la festa”. (Michele Neri, VINILE)
“… per la prima volta il trio, che dal vivo diventa quintetto, si è misurato con proprie composizioni, fedeli allo stile che li ha ispirati sin dalla nascita, dall’iniziale ‘Promise’ alla saltellante ‘Smile’, ma con un’apertura al suo folk britannico e testi che provano ad essere contemporanei magari parlando di iPhone”. (Il Mattino)
“Si tratta di cinque tracce che oscillano tra il country-pop-rock di “Smile” e “Stuck in my mind”, del corale folk dalle tinte emotional di “Promise”, della ballata avvolgente di “Have you again” e della malinconica acustica “Life’s for the living” scritte tutte con una notevole dose di equilibrio, specialmente quello vocale con tre ugole molto intonate e ben calibrate”. (Vittorio Lannutti, Freak Out Magazine)
“Le novità portate dall’EP riguardano le sonorità folk proposte in chiave più moderna, dopo uno studio approfondito della musica folk anglosassone da parte della band. Il sound fresco e vigoroso, unito al calore dei cori, è un perfect match”. (Marco Baldini, Music.it)
“La Terza Classe, tra l’America e Napoli la band partenopea nata dalla strada”. (Angela Lonardo, ilgiornaleoff.ilgiornale.it)
“Un EP omonimo di inediti, uscito di recente per la label Polosud Records, dove albergano insieme l’attitudine dei primi Mumford & Sons e le atmosfere di certi dischi dei Simon & Garfunkel”. (Vladimiro Vacca, Losthighway.it)
“L’America per ogni artista rappresenta sempre una sorta di utopia, per i ragazzi de La Terza Classe questa utopia è diventata pane quotidiano”. (Raffaele Calvanese, Insidemusic.it)

Guarda/Ascolta la video intervista rilasciata all’Agenzia di Stampa Nazione DIRE
http://www.dire.it/19-12-2018/274677-video-la-terza-classe-il-ponte-folk-che-lega-napoli-a-nashville/?

La Terza Classe è una band atipica per la scena musicale italiana. Con le radici ben piantate nel folk e nel bluegrass americano, hanno sviluppato un sound personale ricco di influenze inglesi ed internazionali.

I cinque brani che compongono l’ultimo EP sono stati prodotti dalla band in collaborazione con Massimo De Vita (Blindur), mixati da Paolo Alberta (Negrita, Roy Paci, Ligabue); masterizzati da Andrea Suriani (Cosmo, Calcutta, Coez)
Se i primi due lavori discografici, “Ready to Sail” (2013, autoprodotto) e “FolkShake” (2016, su etichetta “Ad Est dell’Equatore”), i brani proposti erano re-interpretazioni di classici della tradizione folk americana oggi il trio, che dal vivo diventa quintetto, pubblica cinque brani inediti che vanno a comporre l’EP dal titolo omonimo.

La novità sonora di questo disco è frutto prima di tutto delle ricerche che abbiamo operato nella tradizione musicale folk anglosassone“; dichiara la band. “Dopo aver suonato, studiato e fatto ricerca in questi ambiti abbiamo voluto portare la nostra musica ed i nostri testi in una dimensione più moderna rispetto a quella affrontata nel nostro precedente lavoro“.

La sorte è dalla loro parte: nel 2014 La Terza Classe parte per il primo tour negli Stati Uniti dove fra una data e l’altra incontra fortunosamente Jim Lauderdale (Jim si fermò sull’Highway fra Knoxville e Nashville poiché il nostro van era in panne, da lì nacque una profonda amicizia, racconta la band). Il famoso artista country/soul pluripremiato ai Grammy Awards (produttore e collaboratore di George Strait, Gary Allan, Elvis Costello, Blake Shelton, the Dixie Chicks, Vince Gill, Patty Loveless) invita la band ad esibirsi al noto show televisivo americano Music City Roots (guarda http://bit.ly/2Qgc5zM), a Nashville; da questo momento in poi La Terza Classe parteciperà a ben quattro edizioni del programma.
Nel 2015, 2016, 2017 La Terza Classe ritorna in America per tre tournée calcando numerosi palchi, fra i più prestigiosi quelli del Big Ears Festival in Tennessee, il Rockwood Music Hall di New York ed il Bluegrass Undreground. 
Il gruppo non disdegna partecipazioni nel mondo del cinema e la tv, così sono presenti in alcuni spot Sky, partecipano a “Italia’s got talent”, arrivando alle semifinali, e partecipano ad alcune trasmissioni tv di Joe Bastianich. Col cinema il flirt è più intenso così sono presenti nel film di Francesco Prisco con Rocco Papaleo (Bob & Marys, 2018) e producono un documentario dal titolo “Flat Tyre – An American music dream” (regia diUgo Di Fenza) sull’esperienza della loro prima tournée americana; il docufilm ha vinto il premio come migliore documentario al Napoli Film Festival e al Salento International Film Festival.

 Foto copyright La Terza Classe ottenute dal loro sito Web.

Share This Article

Related News

Buttiero e Molteni a New York raccontano in musica l’emigrazione italiana
Sanremo 2019 vincitori e vinti
Il Salotto Musicale Pugliese in Giappone

About Author

redazione

Lorem ipsum dolor sit amet. Leggi il profilo completo, clicca qui

Leave A Reply

Leave a Reply