Thursday, September 23, 2021

IL TABACCAIO MARIUOLO, INVECE DELLE CANARIE HA TROVATO LE “CAJOLE” (GABBIE)!

La mia Napoli, meravigliosa terra di leggende, misteri e generosità, ancora una volta torna alla ribalta ferita a morte da un tabaccaio mariuolo che ha tentato di fregare una vecchina indigente baciata dalla fortuna con un “Gratta e vinci” da 500.000 euro. Grazie a Dio, per buona sorte della frastornata nonnina, la Giustizia sta velocemente rimettendo le cose a posto. Il mariuolo di Materdei (storico quartiere – ci sono nato – dove abbienti e meno abbienti hanno, o perlomeno avevano, tutti un cuore nobile e generoso) con il suo lurido gesto ha infangato l’intera città! Vuoi vedere che aveva davvero ragione un vecchio scugnizzo che oltre mezzo secolo fa scrisse questo “Atto ‘e dulore” che, secondo me, vale la pena far conoscere ai lettori?

ATTO ’E DULORE

Puete, figlie ’e Napule, guardateve
nu poco meglio attuorno e nun screvite
ca chistu cielo è sempe senza nuvole,
ca ’o mare è verde e ca ve ntennerite

sentenno ’e nnote ca ’e pianine spanneno
pe’ dint’ ’e viche cu ’e balcune ’n fiore
addò ’e ffigliole belle sempe cantano
e addò ce ride ’a passione e ’ammore.

Nun ’e screvite cchiù tutte sti cchiacchiere,
guardatavella meglio ’sta città.
Scetateve ’a stu suonno, ’a chesta favula,
ca è proprio n’ata cosa ’a verità!

Screvitele ’e ppoesie, certo, screvitele,
ma nun dicite ca tenimmo ’n pietto
nu core fatto ’e mèle e fatto ’e zùccaro,
nu core senza n’ombra o nu suspetto.

Screvitele ’e ppoesie, parlate ’e Napule,
ma nun dicite ch’è ’a città d’ ’o sole,
ca Marechiaro canta e ca Pusilleco
suspira int’ ’o culore d’ ’e vviole.

Nun ’e ccuntate cchiù tutte sti stroppole,
nun ’a vantate ’a gente ’e ’sta città!
Chello ca vuie screvite è tutto fauzo:
è proprio n’ata cosa ’a verità!

’O mare nun è verde: ll’onne chiagneno!
E chistu cielo nun è cchiù turchino!
Nun cantano ’e ffigliole dint’ ’e vicule
e nun se sente cchiù manco ’o pianino,

e ’o core, ch’era ’o vanto ’e chistu popolo,
è addeventato nu bazzarïota:
nuie ce ngannammo senza n’ombra ’e scrupolo…
Addò sta cchiù ’a semplicità ’e na vota?

Puete, vuie sti ccose avit’ ’a scrivere!
’O munno sano sano ha dda appurà
ca tutte quante nuie, nuie figlie ’e Napule,
l’avimmo ’nchiavecata ’sta città!

Raffaele Pisani

Raffaele Pisanihttp://www.raffaelepisani.it/
Poeta in dialetto napoletano e saggista, Pisani ha pubblicato ben 29 libri.

Related Articles

- Advertisement -
- Advertisement -

L'angolo della poesia

- Advertisement -
- Advertisement -

Latest Articles

- Advertisement -
SPECIAl SALE