Friday, Sep. 25, 2020

IL METROPOLITAN DI NEW YORK ”SCHIAFFEGGIA” NAPOLI!

Written By:

|

29 August 2020

|

Posted In:

IL METROPOLITAN DI NEW YORK ”SCHIAFFEGGIA” NAPOLI!

Non dite male se il Metropolitan di New York “schiaffeggia” Napoli e reclama le spoglie di Enrico Caruso per esporle degnamente nel Tempio della Lirica e non saperle abbandonate nella cappella del cimitero di Santa Maria del Pianto che cade a pezzi nel disinteresse di chi non ha cuore.

Non dite male della mia città se dopo mezzo secolo dalla morte di Ettore De Mura decine di migliaia di volumi della storia di Napoli, da lui raccolti con enormi sacrifici, ancora “riposano e infracidiscono” nei cantinati comunali in attesa della promessa biblioteca che doveva raccoglierli. Non dite male della mia città se resta ancora un sogno il museo da dedicare a Totò, Nino Taranto, Peppino De Filippo e Tina Pica.

Napoli non c’entra, perché tutti coloro che dovrebbero essere i sacri custodi delle nostre migliori tradizioni culturali sono soltanto quei “napoletani abusivi” che non hanno né ingegno né il culto per la bellezza! Quanto dolore sentire parlar male della propria citta! Io vivo lontano, mi manca, e non c’è attimo della mia vita che il mio cuore e il mio pensiero non stiano con lei, con questa grande madre che nel bene e nel male, da ottant’anni, continua ad essere la culla delle mie aspirazioni, dei miei sogni, delle mie delusioni e delle mie speranze! Si può amare con rabbia una città? Sì, si può se questa citta è Napoli e se di questa città hai nel sangue i suoni, gli odori, i colori e vorresti che tutti avessero la consapevolezza della sua unicità e ti chiedi perché questo non avviene. La ami con rabbia perché vedi che le sue gemme più preziose sono svilite e sciupate. E allora ti rassegni… La ami e soffri…  Napoli è Napoli, con le sue incomparabili bellezze e i suoi irrisolvibili problemi, i suoi disastri e i suoi capolavori. E’ irripetibile, magica, gioiosa e dolente, ladra e benefattrice, è la vera essenza della contraddizione ma resta il miracolo più bello che ha fatto il Signore! Volete entrare nel suo ventre? Giratevela notte e giorno, smarritevi nella sua “ammuina” e nel suo procedere irregolare. Amatela così com’è… Napoli non cambia! La rabbia lasciatela a chi nel suo cuore  comprime sentimenti di riscatto e di rivalsa… Amatela, e se volete ammirarla nella sua veste incontaminata e migliore, godetevela al sorgere del sole, di prima mattina e senza napoletani abusivi!

 

PRIMMA MATINA. NAPULE.

 

Ancora tutto dorme.

Ancora tutto è pace.

Primma matina. Napule.

St’ora quanto me piace.

 

 

St’ora addo’ tutto cose

se veste ‘e nu culore

ch’è antico e nuovo  nzieme,

ca mette dint” o core

 

cchiu’ genio ‘e vita, e tutto

piglia cchiu’ spazio, tene

spazio na rosa, spazio

l’ommo,  ‘o penziero.  ‘E ppene

 

so’ cchiu’ liggere. Napule

schiava nun è  d” o mmale

ca ‘a dint’a ll’uocchie ‘a scippa

‘e suonne suoie carnale,

 

e schiava nun è ancora

d” o regno ‘e ll’anarchia,  

ancora, pe’ nu poco,

è  tutta n’armunia

 

mo ch’ogni cosa dorme,

mo ch’ogni posto è pace.

Primma matina. Napule.

‘St’ora quanto me piace!

 

Raffaele Pisani

Share This Article

Related News

Sorprendendo i Ladri di Thieves in the Family, Raccolta di Maria Lisella
Lampadine fulminate. Una poesia di Raffaele Pisani.
LA QUINTA DIMENSIONE (THE FIFTH DIMENSION), a poem by Tiziano Thomas Dossena

About Author

Leave A Reply

Leave a Reply