Wednesday, Oct. 23, 2019

Fare teatro in casa: Français Kahn porta in scena La signora col cagnolino di Anton Čechov a Padova

Written By:

|

8 February 2016

|

Posted In:

Fare teatro in casa: Français Kahn porta in scena La signora col cagnolino di Anton Čechov a Padova

Articolo di Marina Agostinacchio

Ore 17. Casa Ellero – Ammanati di Padova apre la porta agli amici per un insolito pomeriggio.

Francois Khan

Français Kahn

Protagonista dell’evento è Anton Čechov. Gli dà voce, pensiero e corpo, l’attore francese Français Kahn portando in scena La signora col cagnolino, un testo del 1899, racconto della fase della maturità letteraria dell’autore russo.
L’attore, nella magia del silenzio circostante, avanza in uno spazio della casa adibito a proscenio, accende una candela posta su di un piccolo comò. Inizia con un monologo-dialogo a narrare una storia qualsiasi, una storia come tante.
In una scenografia essenziale, un tavolo, una piccola tovaglia, un telo, una mela, Français dà movimento all’ “azione fisica” ed emotiva, in una organicità tra elementi esterni e tangibili del suo corpo e una vibrazione intima, attraverso cui ci fa “sentire” , cogliere l’opera di Čechov in tutto il suo fascino.
Lo spettatore è particolarmente coinvolto nella scena, così dentro ad essa, pur mantenendone una sottile distanza ad opera dell’attore che tiene conto di quello scarto tra sé e chi assiste allo spettacolo con espedienti psicologici, frutto di sapiente esperienza di anni di lavoro; la voce avvolgente, mai gridata, gli occhi mai veramente fissi sullo spettatore.
Riusciamo, anche chiudendo le palpebre, a leggere nelle parole e nel gesto discreto e forte dell’attore, fine interprete della storia, la semplicità, il realismo della relazione dei due personaggi, Dmitrij Gurov e Anna Serge’evna.
Ripercorriamo il testo scritto dell’autore russo, senza tradimenti di sorta. Le righe, per chi ha letto il racconto, scorrono nella voce e nel movimento, in una tensione e in una concentrazione che rimbalzano in un fluire di occhio e anima tra attore e pubblico.
la signora col cagnolinoA narrarci la vicenda nelle pieghe della vita nascosta dei due amanti, ecco le azioni interpretative che si oggettivano in metafore. Oscillano tra un’inclinazione di testa e uno sbatter d’occhio; a rendere poi visibile un adulterio sublimato, ecco Français fare ricorso alla modularità di un canto russo, mentre il corpo di retro al pubblico si avvolge in abbandono, tra braccia allungate sul proprio capo che suggeriscono quasi una ricerca di maternage.
Cerchiamo un esito compiuto alla vicenda dei due protagonisti, ci aspettiamo che avvenga qualcosa di definitivo, che assolva o punisca in un giudizio finale la coppia di amanti portati sulla scena. E se da un lato ci viene confermato il pensiero di Čechov della insensatezza ed incompiutezza delle azioni e delle emozioni umane, riusciamo, al termine della rappresentazione, ad avvertire l’istintiva poesia del dramma esistenziale di noi tutti proprio attraverso quella voce, quella percezione interna quasi “invisibile” regalateci dal tratto gestuale di Français.
checovAlla fine dello spettacolo teatrale, il suo procedere lascia ora vuoto lo spazio dove tutto è stato detto ed è avvenuto, con le parole del testo: … Ed erano convinti tutti e due che la fine era ancora lontana e che il difficile, il più complicato, era appena cominciato, spazio pronto ad essere riempito dalla voce nuovamente modulata in canto, sicché lo spettatore non ha la sensazione di un abbandono o di una vera e propria fine, piuttosto di qualcosa da portarsi dentro, a protezione di quel che ci ha lasciato di riflessivo la vicenda. La sensazione che la vita nascosta, la nostra vera linfa, non sia poi così amara e distorta rispetto a quella parallela, quella palese e convenzionale.
L’occasione per un ultimo pensiero è suggerita da una riflessione sul ruolo dell’attore e sull’autore dell’opera, colti in una simbiosi di forte impatto emozionale, dove la felicità del “dire” e dell’agire, il luogo d’elezione di chi recita, divengono lo scrigno segreto dato in dono allo spettatore.
Operazione riuscitissima, quella del nostro pomeriggio, per l’alchimia di voce e luogo prescelto all’azione scenica, una casa che accoglie e realizza l’idea, cara già nel ‘400 italiano, di far vivere l’arte entro mura domestiche.
La serata infine prosegue poi con tè aromatici e marmellate speziate, nonché con un’autentica insalata russa!

Share This Article

Related News

Rigoletto, intrighi a corte!
L’Idea Magazine NY incontra il Teatro Bonci di Cesena
Tosca … la vendicatrice

About Author

Marina Agostinacchio

(1) Reader Comment

  1. Pingback: Fare teatro in casa:Francais Kahn porta in scena “La signora col cagnolino” di Anton Cechov a Padova – Musicandosite

Leave A Reply

Leave a Reply