Wednesday, Sep. 18, 2019

È Stefan Pop “Alfredo” in Traviata alla Fenice di Venezia: standing ovation agli artisti

Written By:

|

16 September 2016

|

Posted In:

È Stefan Pop “Alfredo” in Traviata alla Fenice di Venezia: standing ovation agli artisti

di Salvatore Margarone e Federico Scatamburlo

È innegabile che nelle opere liriche quando i cast artistici sono scelti con criterio ne scaturisce un capolavoro: infatti lo scorso 11 settembre al Teatro La Fenice di Venezia abbiamo assistito all’ennesima Traviata di G. Verdi, nella quale stavolta le voci erano veramente quelle giuste. La versione in cartellone ormai da più di due anni, con l’assetto scenico di Patrick Kinmonth e quello registico di Robert Carsen, non è da noi tanto amata per più di un motivo: sottolineiamo sempre, per esempio, la carenza e la poca coerenza nel finale del secondo atto (le zingarelle e il coro dei matadores), ma questa è una critica all’ideatore di questo spettacolo, che ha fatto scelte tutta sue e dalle quali ci dissociamo.

Scena secondo atto

Scena secondo atto

Tuttavia in questa rappresentazione le abilità interpretative e drammaturgiche di tutto il cast hanno compensato appieno le incongruenze sceniche e regalato impagabili momenti di emozione, anche nei rari momenti dove l’esecuzione canora non era propriamente perfetta.
Con la direzione del M° Nello Santi, l’Orchestra della Fenice ha suonato serenamente e beatamente i cantabili dell’intera opera; ampi respiri, morbidezza del suono, cura del minimo dettaglio sono state le chicche di uno splendido pomeriggio all’insegna della grande musica.

 Il M° Nello Santi e Stefan Pop

Il M° Nello Santi e Stefan Pop

Per quanto riguarda il cast, lodi al direttore artistico Fortunato Ortombina che ha scelto, nel vasto panorama lirico, uno dei tenori più interessanti del momento, Stefan Pop, da noi già considerato un possibile futuro successore del grande compianto Luciano Pavarotti.

Il tenore Stefan Pop

Il tenore Stefan Pop

Avevamo già conosciuto Stefan nel Roberto Devereux di Donizetti a Genova, insieme alla grande Mariella Devia, e poi sempre in Traviata nella favolosa cornice del Teatro Antico di Taormina con Desireé Rancatore, e fin da subito ci aveva colpito per lo squillo e il timbro di cui è dotato: non si è smentito nemmeno in questa fantastica serata veneziana, dove tra l’altro ha debuttato per la prima volta in questo bellissimo gioiello dell’architettura che è il Teatro La Fenice. Squillo potente ma mai esagerato, punta, bellissimi legati, fiati ben calibrati, mai sguaiato e approssimativo, sempre precisissimo e controllato, Stefan Pop sbaraglia i suoi predecessori e si attesta il miglior Alfredo della stagione, riempendo una scena pressoché vuota di questa produzione nel secondo e terzo atto, regalando al pubblico un Alfredo appassionato, amante e vittima delle pene d’amore per la sua amata con i suoi “bollenti spiriti…”.
Violetta, interpretata da Maria Grazia Schiavo è intima ma allo stesso tempo irruenta: a parte qualche piccola defaillance iniziale nel primo atto, il secondo ed il terzo atto sono stati in crescendo. Bello il duetto con Giorgio Germont, interpretato da Dimitri Platanias, il quale è dotato di una bella voce rotonda e scura da baritono, e che è stato impeccabile nel duetto con Alfredo.

Dimitri Platanias e Maria Grazia Schiavo

Dimitri Platanias e Maria Grazia Schiavo

Nell’insieme anche il resto del cast ha trovato una sua giusta collocazione in questa serata interagendo molto bene con i personaggi principali del titolo, a partire da Flora, interpretata da Elisabetta Martorana, il Barone Douphol, interpretato da Armando Gabba, Sabrina Vianello (Annina), Mattia Denti (Il Dottor Grenvil), Matteo Ferrara (Marchese d’Obigny), Emanuele Giannino (Gastone).
Ottima come sempre la performance del Coro del Teatro La Fenice che ha scandito i momenti clou dell’opera diversificando con i volumi vocali le loro parti.
Un pubblico emozionato, commosso e in tripudio alla fine della rappresentazione ha omaggiato gli artisti con una meritata standing ovation e 10 minuti di applausi.
Siamo lieti e ben contenti di questo successo in quanto gli artisti che hanno partecipato a questa rappresentazione meritano davvero lusinghieri consensi, ed auguriamo a tutti una lunga e brillante carriera ricca di soddisfazioni.

Photo : ©Michele Crosera – Fondazione Teatro La Fenice Venezia – ©Marco Impallomeni – www.mariagraziaschiavo.comtravposter

Share This Article

Related News

Tosca … la vendicatrice
CONCERTI IN BASILICA 2019  Sabato 14 settembre ad Aquileia gran finale con “La Musica dei cieli”
17 – 18 AGOSTO 2019 IL GRANDE BLUES RISUONA IN PIAZZA DELLA CHIESA A LEVICO TERME IN TRENTINO

About Author

Salvatore Margarone

Nasce a Catania nel 1972, si diploma in pianoforte al Conservatorio Statale di Musica Tito Schipa di Lecce sotto la guida del Maestro Dario Nicoletti. Agli studi pianistici affianca quelli di Organo e Composizione Organistica con il Maestro Gianluca Libertucci (Organista Ufficiale del Vaticano) e Composizione con Letizia Spampinato. Si perfeziona in esecuzione pianistica con Fabrizio Migliorino, Paul Badura Skoda. Alla carriera solistica affianca quella Vocale da Camera in duo con il soprano Stefania Pistone, con la quale segue i corsi specialistici sul Lied Tedesco di Elio Battaglia ad Acquasparta e a Salisburgo presso il Mozarteum. Da questo incontro inizia una lunga collaborazione con il maestro Battaglia accompagnando i corsi di canto lirico tenuti negli anni a seguire a Napoli e Catania, incidendo dal vivo, nel 2001, un CD delle Arie da Camera di V. Bellini per il bicentenario della nascita del compositore catanese. Vincitore di oltre 30 Concorsi Nazionali e Internazionali in duo liederistico con il soprano Stefania Pistone, pubblicano insieme tre Saggi Critici: Il Lied e Franz Schubert, Il Lied e L.v.Beethoven e La Romana da Salotto Italiana, tutti con CD allegato editi dalla Casa Musicale Eco di Monza. Con la stessa casa editrice prosegue una fruttuosa collaborazione che lo porta a pubblicare revisioni pianistiche di raccolte di lieder tra cui: Zelter, Mozart, Schubert, Schumann, Liszt, Brahms, Wagner, Wolf, ecc… in più due Antologie di Lieder per i Conservatori e Raccolte di Arie D’Opera. Si è esibito per enti lirici, tra i quali Teatro Bellini di Catania, Teatro Paisiello di Lecce, Teatro Comunale di Merano, varie associazioni ed enti pugliesi, ecc… all’estero Wiener Saal di Salisburgo, Gabinete Letteral di Las Palmas di Gran Canaria ecc…; stagioni concertistiche a livello internazionale tra cui : Settembre Musica 2001, per una “Maratona Beethoven”, dove nella stessa giornata si esibiva anche il Maestro Riccardo Muti con l’orchestra del Regio di Torino. Negli ultimi anni è stato direttore artistico del Circolo della Lirica di Padova, dove vive tutt’ora, proseguendo l’attività pianistica. Nel 2014, in occasione del 150° anniversario della nascita di Richard Strauss, pubblica il volume “Richard Strauss, Uomo e musicista del suo tempo” edito dalla Casa Musicale Eco di Monza, riscuotendo notevoli consensi di critica sulle maggiori testate giornalistiche specializzate (GB OPERA MAGAZINE, OPERACLICK, BELLININEWS, SUONARE NEWS, ecc…) Attualmente è impegnato nella stesura di un nuovo volume “Il Melodramma”, dalle origini ai giorni nostri, ed una Biografia su Sergej Rachmaninoff e la scuola russa. Si dedica con passione alla didattica del pianoforte e del canto, ed è docente presso l’Istituto Comprensivo Statale “Ricci Curbastro” di Padova.

Leave A Reply

Leave a Reply