Monday, November 28, 2022

Concerto di Vito Furio & friends

Tantissimi gli emigranti e i forestieri che hanno

gremito la piazza di Mola Di Bari per ascoltare ed applaudire entusiasti il

Concerto di Vito Furio & friends

23.8.2013VitoFurio&friendsVenerdì 23 agosto 2013, si è svolto l’appuntamento annuale con il concerto di Vito Furio & Friends. Tanti gli emigranti e i forestieri venuti anche da fuori per ascoltare le canzoni e i motivi riconducibili allo swing italiano che caratterizza i concerti di Furio.

Prima dell’inizio, la bravissima presentatrice, Rosa Macchia, sempre spigliata e bellissima, ha intrattenuto il pubblico facendo una breve cronistoria dei tanti concerti tenuti da Vito Furio. Quindi, dopo avere introdotto Bartolo Fanizza, presidente dell’A.I.D.O. (Associazione  Italiana Donatori Midollo Osseo) entrambi hanno sensibilizzato i presenti alla donazione per salvare vite umane.

E’ stata quindi la volta di Vito Furio, accompagnato da Gianni D’Elia alle tastiere e fisarmonica; Mimmo Gassi ai fiati (sassofono e clarinetto); Vito23agostoVitoFurio&friends Laudadio al contrabasso e Gianni Tria alla batteria.

Il concerto è iniziato alle 22,15 per terminare oltre le 24,30 con una scaletta molto varia e in grado di soddisfare tanti gusti. Il quintetto ha cominciato in maniera soft con un brano sempre attuale, “Se stasera sono quì” e alcuni brani di Renzo Arbore, tra cui il magico “clarinetto”, presentato anni fa Sanremo e “Io faccio o show”. Solo per citare alcuni.

Tra una pausa e l’altra Rosa Macchia ha introdotto il beniamino del pubblico, Gino Palazzo, assente dalla ribalta canora da molti anni per motivi di salute. Palazzo ha ripercorso sinteticamente i momenti più salienti della canzone vernacolare, citando tra l’altro, il suo libriccino “11.023 Ricordi Flash”, nel quale, ancorché in maniera sintetica, sono state raccolte e ripercorse le tappe più significative della vita molese.

RosaMacchiaeVitoFurioIl Culmine della serata si è registrato quando Vito Furio ha cantato alcune canzoni dialettali. In Particolare “uagnənggéddərə”, ragazzini, e “Maravəlandə”, Maria Violante, mandando in visibilio il numeroso pubblico presente che ha applaudito fragorosamente le varie interpretazioni.

Ancora altre canzoni come “Autumn leaves”, le foglie morte, “My way”, a modo mio, un successo di Frank Sinatra e “Nel blù dipinto di Blù” del grande Domenico Modugno hanno allietato la serata.

Non rimane che dire grazie a Vito Furio e ai suoi amici dando appuntamento al prossimo anno.  Grazie Vito.

Related Articles

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

L'angolo della poesia

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest Articles

SPECIAl SALEspot_img