Tuesday, Oct. 23, 2018

20 Minuti…

Written By:

|

14 June 2017

|

Posted In:

20 Minuti…

 A cura di Katia D. De Sessa

Dopo 34 anni di esperienza, ricerca, errori, vittorie e cioccolato fondente con le nocciole sono arrivata alla conclusione che venti minuti è il massimo limite di sopportazione umana per qualsiasi cosa.
Vi porterò qualche breve esempio.

Tempo limite di permanenza su Facebook o qualsiasi altro social: venti minuti.
Se ci si sofferma oltre questo lasso di tempo si rischiano nell’ordine: noia, fastidio sociale, rabbia repressa dall’infanzia, tweet velenoso, perdita di followers, cervicalgia.

Tempo limite di resistenza al dolore: venti minuti.
Ne sono una vittoriosa testimone: la ceretta dall’estetista non deve durare più di venti minuti e non solo per la sofferenza. Scatta la noia, la scomodità del lettino, i discorsi divaganti dell’estetista di turno, il telefono che comincia a reclamare la tua presenza altrove.
Costituiscono un caso a parte le donne partorienti, cui andrebbe conferita una medaglia al valore solo per aver superato indenni la prova dei venti minuti.

Tempo limite di sopportazione alle critiche o ai consigli: venti minuti netti.
Qui c’è da aprire una parentesi sull’ascolto. Se mi chiedi un consiglio, e la tua situazione è particolarmente complicata, ho bisogno di dieci minuti per far convogliare tutti i miei neuroni su una argomento (il tuo) di cui probabilmente non mi importa nulla, e altri quindici per esporti le mie ragioni – considerando il fatto che voglio che mi si dia della persona saggia, non ammetterò opinioni contrarie e sarò costretta a convincerti che io ho la verità assoluta.
Il problema è che tu, alla soglia dei quindici minuti non mi starai già più ascoltando. Quindi le opzioni sono due: o non mi chiedi consigli, o mi guardi bene negli occhi perché sto investendo il mio tempo per te. E la regola dei venti minuti vale anche per me.

Tempo limite di pazienza nella lettura di un articolo che potrebbe non averci insegnato o trasmesso nulla… beh, se è rimasto ancora qualcuno a leggere direi che siete tutti dei vincenti.
E meritate di sapere che la mia storia con il mio lui procede, direi anche bene. Che ho superato un momento buio senza ricorrere alla psicoanalisi, che i miei amici sono sempre due e che li vedo per 10 minuti netti a settimana.
Ma vado avanti. Se davvero credessi che la vita fosse inespressiva come il bel viso di Melania Trump, avrei fatto le valigie e sarei andata in giro per il mondo a dispensare abbracci terapeutici gratuiti.

Adesso prendete la calcolatrice e sommate tutti i valori presenti in questo articolo.
Il risultato è sorprendente. Centosessantasei.
E se sommiamo 1+6+6 e riduciamo tutto ad un numero solo avremo 4.
Ecco svelato un altro piccolo dettaglio di me: il 4 è il mio numero preferito e considerato che ho scritto questo articolo di getto direi che è un segno.
Forse ho scritto qualcosa di sensato.
O forse sono una persona incredibilmente fortunata. E adesso lo sapete tutti.

Share This Article

Related News

Building Economic and Sociocultural Bridges Between Italy and the US
From supermodel to Celebrity Chef and successful author. An exclusive interview with Maria Liberati

About Author

Katia De Sessa

Leave A Reply

Leave a Reply